UMOR.IT, corrispondenza di guerra, lettere dall'Iraq

LETTERE E PLICHI DALL'IRAQ



   Un marine in Iraq riceve un giorno, una lettera dalla sua fidanzata:

   - Caro Johnny, la nostra relazione non può più continuare.
La distanza che ci separa è troppo grande. Ti confesso che da quando sei partito ti ho già tradito due volte.
Mi dispiace.
Per favore rimandami la foto che ti avevo spedito.

     Mary


   Il soldato ci resta malissimo, ma quando si riprende si fa regalare dai commilitoni una foto delle loro fidanzate, mogli, sorelle, cugine o amiche.
Riceve 57 fotografie, e Le mette tutte in una busta assieme a quella di Mary, poi aggiunge un biglietto:

   - Cara Mary, scusa ma non riesco a ricordarmi chi sei.
Per piacere togli la tua foto dal mazzo e rimandami le altre.

     Johnny


 

             


E adesso beccati queste freddure e vignette prese a caso!



"La maestra interroga Pierino: - io faccio il bagno, tu fai il bagno, egli fa il bagno, noi facciamo il bagno... Che tempo è?
Pierino, tutto felice: - E' sabato!

Ma gli "Evirati Arabi Uniti", e' il nuovo partito che hanno costituito gli eunuchi?

«Papà, papà... ma cosa succede se prendono uno che ha fatto una rapina?»
«Zitto e corri piu' forte che puoi!»

Non mi hanno mai spaccato i vetri dell'auto perche' ci avevo scritto sopra:
"Non spaccatemi i finestrini perche' non ho l'autoradio!"
Ma ieri, al posto dell'auto, ho trovato un biglietto con su scritto:
"Fa niente, all'autoradio ci pensiamo noi!"