UMOR.IT, la donna informatica, un lucido ed inesorabile parallelismo

LADONNA INFORMATICA



Donna INTERNET: donna di difficile accesso.
Donna SERVER: sempre occupata quando devi usarla.
Donna WINDOWS: tutti sanno che non funziona ma nessuno può viverne senza.
Donna POWERPOINT: solo Bill Gates ha la pazienza di utilizzarla per più di mezz'ora.
Donna EXCEL: dicono che serve per tante cose ma si utilizza solo per le quattro operazioni di base.
Donna WORD: ha sempre una sorpresa riservata per voi ma non esiste nessuno al mondo che la comprenda del tutto.
Donna DOS.: tutti l'hanno utilizzata almeno una volta ma nessuno la vuole più.
Donna BACKUP: avete sempre creduto che avesse tutto quello che potesse servire ma al momento della verità manca sempre qualcosa.
Donna VIRUS: anche conosciuta come "moglie", quando meno te lo aspetti arriva, si installa e si impossessa di tutte le risorse. Se provi a disinstallarla perderai qualcosa, se non ci provi... perderai tutto!
Donna SCANDISK: si sa che è buona e che vuole solo aiutarti, ma in fondo nessuno sa che cosa stia realmente facendo...
Donna SCREENSAVER: non serve a niente ma è divertente!
Donna PAINTBRUSH: serve solo per i suoi figli.
Donna RAM: dimentica tutto quello che ha fatto appena si disconnette.
Donna HARD-DISK: si ricorda di tutto, PER SEMPRE.
Donna MOUSE: funziona solo se maltrattata e sbattuta.
Donna MULTIMEDIA: fa sembrare tutto molto bello.
Donna PASSWORD: credi di essere l'unico che la conosce ma la conosce mezzo mondo...

 

             


E adesso beccati queste freddure e vignette prese a caso!



Interrogazione di storia. La maestra:
«Pierino, Colombo è famoso per aver scoperto... che cosa?»
«Che l'assassino era il maggiordomo?!?»

Prima notte di nozze. Lei: "Caro, ti devo confessare che ho un piccolo difetto: sono daltonica!"
Lui: "Anch'io, cara, ho un piccolo difetto da confessarti: non sono svedese, sono del Burundi!"

Le cose vere e le cose supposte.
Le cose vere per il momento le mettiamo da parte, ma le supposte... dove le mettiamo le supposte?

"La politica è un po' come lavare finestre. Non importa da quale parte sei, lo sporco è sempre dall'altra parte!"