UMOR.IT, che mi costerebbe? Piccolo manuale per vivere meglio accanto al prossimo.....

CHE ME POTREBBE COSTA'?



   Che me costava 'n soriso alla cassiera der supermercato quanno stavo a pagà, dopo che pe' dimme 15 euri m'ha sputato sui facioli e sulli pommodori?

Che me costava 'n soriso all'incrocio quanno 'na vecchietta m'ha attraversato cor rosso e m'è toccato inchioda' de brutto?

Nun se fa fatica a fa 'n soriso e stasera quanno magnerò le pasta scotta penzando che l'hai fatta colle mani tue dorci e delicate.
Che me costerebbe fatte 'n soriso?

E ar collega mio che la matina arriva tardi e nun fa na mazza tutto er giorno, che me costerebbe a faje 'n soriso?

E anche a sto stronzo puzzolente che me stà a pistà er calletto de continuo mentre sto su 'a metro de ritorno stanco morto de lavoro, nun me costerebbe gniente faje 'n soriso.

Come pure ar capoufficio che rompe li cojoni de continuo, che me costerebbe faje 'n soriso; Certo nun me costerebbe proprio niente...

Ma perché... se li mannassi tutti AFFANCULO, me costerebbe quarche cosa???





 

             


E adesso beccati queste freddure e vignette prese a caso!



Al citofono: - Signora, scusi, sono tre giorni che non mangio!" Non avrebbe qualcosa da darmi?
- Lo mangeresti il pane secco di ieri? - Ma... se non c'e' altro...
- Allora torna domani che te lo do!

Ma La forma delle piramidi insegna forse che fin dall'antichita' gli uomini avevano la tendenza a lavorare sempre meno?

La prof di storia dell'arte: - Vuoi parlarmi di Raffaello?
Lo studente: - Ma prof, io mi faccio i fatti miei!

Per smettere di bere ho provato con la psicanalisi. Ora bevo sdraiato su un divano.....