UMOR.IT, che mi costerebbe? Piccolo manuale per vivere meglio accanto al prossimo.....

CHE ME POTREBBE COSTA'?



   Che me costava 'n soriso alla cassiera der supermercato quanno stavo a pagà, dopo che pe' dimme 15 euri m'ha sputato sui facioli e sulli pommodori?

Che me costava 'n soriso all'incrocio quanno 'na vecchietta m'ha attraversato cor rosso e m'è toccato inchioda' de brutto?

Nun se fa fatica a fa 'n soriso e stasera quanno magnerò le pasta scotta penzando che l'hai fatta colle mani tue dorci e delicate.
Che me costerebbe fatte 'n soriso?

E ar collega mio che la matina arriva tardi e nun fa na mazza tutto er giorno, che me costerebbe a faje 'n soriso?

E anche a sto stronzo puzzolente che me stà a pistà er calletto de continuo mentre sto su 'a metro de ritorno stanco morto de lavoro, nun me costerebbe gniente faje 'n soriso.

Come pure ar capoufficio che rompe li cojoni de continuo, che me costerebbe faje 'n soriso; Certo nun me costerebbe proprio niente...

Ma perché... se li mannassi tutti AFFANCULO, me costerebbe quarche cosa???





 

             


E adesso beccati queste freddure e vignette prese a caso!



«Molto strana questa legge della gravita'!» disse Isaac Newton quando la mela gli cadde sulla testa.
«Io sono seduto sotto un pero!!»

Il marinaio spiego' le vele al vento..... ma il vento non capi'!

Due bambini stanno giocando con la sabbia e a un certo punto uno, con la paletta cava un occhio all' altro.
Allora quello senza un occhio infuriato gli risponde: - Se lo fai un'altra volta non ti guardo più in faccia!

quando la polizia giunse sul luogo dove il furgone del pasticcere si era schiantato trovo' solo lamiere con-torte. 
Azienda giapponese