Vuoi mettere un collegamento a UMOR.IT sul tuo sito e non sai come fare?



Copia il codice html che trovi sotto riportato ed incollalo poi nel punto esatto della tua pagina dove vuoi che appaia.


Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner1.jpg" border="1"></a></p>

Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner2.jpg" border="1"></a></p>

Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner6.gif" border="0"></a></p>

Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner5.gif" border="0"></a></p>

Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner4.jpg" border="0"></a></p>

Ecco quello che vedranno i tuoi visitatori:

<p align="center"><a href="http://www.umor.it" target="_blank" > <img align="center" src="http://www.umor.it/banners/banner3.gif" border="0"></a></p>

 

E adesso beccati queste freddure e vignette prese a caso!



Il marito: "Sai cara, penso proprio che non potrai venire con quella vecchia pelliccia alla prima della Scala!"
La moglie: "Oh caro... non dirmi che mi hai fatto una sorpresa!"
E lui: "Sì ... ho comprato un biglietto solo!!"

- Perche' non lavori? - Perche' sono pazzo!
- Ma guarda che i pazzi lavorano... - Ma io non lo sono poi cosi' tanto...

«Per aver picchiato sua moglie durante il sonno, la condanno a 1000 euro di multa!»
«Beh signor Giudice, io i 1000 euro li pago, ma gliene do' 2000 se riesce a picchiarla quando e' sveglia!

Il figlio di Polifemo: «Papa', perche' abbiamo un solo occhio?»
«Su dai, smettila di fare domande assurde, e non mi rompere la palla!»